In tema di condono edilizio di immobili in zona di vincolo paesaggistico, la valutazione della Commissione comunale per il paesaggio non può sostituire il parere della Soprintendenza che è sempre necessario, oltre che vincolante

Segnaliamo un’interessante sentenza, emessa all’esito di una causa seguita dallo Studio, che ha chiarito che a fini del rilascio del condono edilizio di un immobile sito a Brera, noto quartiere milanese soggetto a vincolo paesaggistico, il Comune deve rimettere la valutazione alla Soprintendenza, non potendo negare la sanatoria sulla base del parere negativo della Commissione comunale per il paesaggio.

TAR Lombardia_Milano_Sezione II_7 febbraio 2018_n.355

Torna su